Tutela della salute visivaPrevenzione delle minorazioni visive

Cerca nel sito

Effettua una ricerca all'interno del sito, tra le pagine ed il materiale scaricabile.

Registrazione

Per essere informati sulle novità del Centro, ricevere informazioni tramite la nostra Newsletter, accedere al forum e scaricare documenti....

Registrati ora

Contatti

Centro Salvis:
Milano
Via Villa Mirabello 6
tel. 02.608.02.95
mail: info@salvis.it

Forum

Fai domande ai nostri esperti, chiedi consigli, partecipa ai dibattiti ...

Chat

Collegati alla chat per entrare nella comunità del centro Salvis

< In costruzione >

Home » Le nostre radici » Terza vita per Villa Mirabello

Terza vita per Villa Mirabello

Il Centro SALVIS

Il dramma della cecità non riguarda, purtroppo, solo le vittime di eventi bellici. Molte patologie insidiano infatti il bene della vista, abolendolo o compromettendolo in modo grave.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità prevede che che nel 2015 ci saranno nel mondo 220 milioni di ipovedenti, cioè di persone che hanno un residuo visivo talmente basso da non consentire lo svolgimento delle comuni attività quotidiane, e 76 milioni di ciechi totali. Secondo la stessa Organizzazione, nel 1990 gli ipovedenti erano 110 milioni e i ciechi 38 milioni: ciò significa che nel giro di soli 25 anni il numero di persone affette da gravi minorazioni visive risulterà addirittura raddoppiato!

Sono previsioni allarmanti, che giustificano un impegno forte nelle iniziative di prevenzione a tutti i livelli. Molte strutture sanitarie pubbliche e private si fanno già carico di importanti attività preventive di natura clinica, come il dèpistage oculistico nella prima infanzia. Rimangono tuttavia scoperti bisogni di altro tipo, riguardanti una informazione diffusa ad ampie fasce della popolazione a rischio di minorazione visiva: si tratta in primo luogo delle persone oltre i 60 anni, maggiormente soggette alle patologie oculari degenerative che, a partire dai 75 anni, colpiscono oltre il 2,3% della popolazione.

Ma anche le disabilità visive gravi dell’età evolutiva sono in aumento, dato che i progressi della Medicina consentono la sopravvivenza di soggetti a rischio come i prematuri, i portatori di patologie genetiche di tipo eredo-familiare, di anomalie cromosomiche, di alterazioni dovute ad infezioni materne trasmesse al feto.

Anche in quest’ambito sussiste quindi il bisogno di un’informazione che consenta ai genitori e al personale scolastico di evidenziare precocemente difficoltà visive che potrebbero avere un andamento peggiorativo, con lo scopo di eliminarle o quantomeno di contrastarne l’evoluzione.

Prendendo atto di queste realtà il Consiglio di Amministrazione della Casa per Ciechi di Guerra della Lombardia ha recentemente varato un progetto di ampio respiro, che prevede l’attuazione in Villa Mirabello, sede della Casa, di attività mirate a promuovere la salute visiva e a prevenire le gravi minorazioni della vista. Il progetto verrà completato nell’arco di alcuni anni e consiste nell’istituzione di un Centro denominato SALVIS (acronimo di Salute Visiva), che si occuperà di:

  • Promovere la salute visiva
  • Realizzare attività di studio e documentazione per le gravi disabilità visive
  • Fornire consulenza ai gravi disabili visivi

In tal modo Villa Mirabello potrà continuare ad essere un punto di riferimento per le problematiche connesse alla grave minorazione visiva, superando la propria primitiva vocazione assistenziale (peraltro ampiamente giustificata dalle necessità del tempo) e inserendosi nel più moderno filone delle attività preventive e di sostegno destinate all’area della disabilità.

Il Centro SALVIS ha ottenuto il patrocinio dell’Agenzia Internazionale di Prevenzione della Cecità.

In primo piano

continua a leggere

5 per Mille

Dona il tuo 5 per Mille alla Casa di Lavoro e Patronato per i Ciechi di Guerra di Lombardia ONLUS - 01122250150. La tua firma ci aiuterà a portare avanti i nostri progetti.
continua a leggere

L'occhio bionico

Storia recente delle protesi elettroniche. Dall'aprile 2005 all'aprile 2008 tre anni di progressi entusiasmanti. Le prime sperimentazioni sull'uomo e le speranze per il futuro.